Il Marchio/Logotipo del Ficodindia di Roccapalumba
Un paese da favola

Sole, Terra, Ficodindia e Stelle

AL RIPARO DELLA ROCCA

Roccapalumba, il paese della Rocca e dei suoi colombi, il paese del ficodindia e il paese delle stelle. Insomma un paese da favola, che di giorno è bellissimo, immerso nel verde dei suoi boschi e ovunque circondato dalle piante e dalle pale del ficodindia, come a voler ricordare l’origine antica di questa terra e del frutto che ospita, che viene da lontano e che ama il sole.
E di notte, quando il sole lascia il posto alla luna, un paese magico, dove allungando le dita puoi afferrare le stelle, vive e lucenti, e sentire la grande Rocca respirare.
Il territorio del ficodindia d’eccellenza si trova ai piedi di una grande rocca di tipo dolomitico, che caratterizza la cittadina e la sua vista anche da lontano, una sorta di duomo naturale che protegge i suoi abitanti da sempre. Il respiro notturno della rocca è in realtà il respiro delle migliaia di uccelli (colombi, taccole, gazze) che vivono al riparo delle sue fessure.

UN PAESE INCANTATO

Un paese incantato, fondato nel XVII secolo dalla Principessa Maria Anzalone Orioles e che incanta ancora adesso, con i suoi 3.000 abitanti, il suo borgo principale di origine araba, Regalgioffoli, e il Santuario della Madonna della Luce ai piedi della Rocca, con la sua suggestiva ambientazione naturale, ricca di fascino, storia e leggenda.

E poi ancora il Castellaccio, un luogo di insediamenti neolitici, medioevali e saraceni, a testimonianza di un passato molto antico, in qualche modo ancora vivo e appassionante.

Un incanto che non si ferma, come il mulino ad acqua “Fiaccati”, della fine dell’ottocento, ben conservato e ancora perfettamente funzionante.

IL PAESE DELLE STELLE

Roccapalumba è anche il “Paese delle Stelle”, un punto di riferimento per astrofili e scienziati di fama internazionale, tra i quali Margherita Hack, che ha emozionato pubblico e studenti con le sue lezioni all’Auditorio e ricevuto la cittadinanza onoraria.

E l’emozione continua all’Osservatorio Astronomico di Pizzo Suaro, con il telescopio newtoniano che permette l’osservazione di oltre 4000 corpi celesti e poi, grazie a uno speciale elioplanetografo i visitatori possono assistere alla simulazione di movimenti reali dei pianeti attorno al sole, l’alternarsi del giorno e della notte, le fasi della Luna e l’alternarsi delle stagioni.

Cielo e terra d’incanto, con il sole e le stelle a proteggere giorno e notte. E così come il cielo limpido e terso e l’aria incontaminata attraggono gli amanti degli astri, il paesaggio arido di Roccapalumba e il suo sole cocente sono diventati habitat perfetto per il ficodindia, al punto che ormai sembra da sempre parte integrante e scenografica del territorio.

OPUNTIA INDICA FEST: LA SAGRA ANNUALE

Ogni anno si contano circa 30.000 presenze alla tradizionale sagra dedicata a questo magnifico frutto, la OPUNTIA INDICA FEST, che quest’anno celebra la sua XVI edizione (verificare data). Un appuntamento da non perdere, a ridosso della costa settentrionale della Sicilia, occasione per un itinerario certamente affascinante.

L’intera cittadina è in festa con balli e canti tradizionali, e il ficodindia si presenta in tutto il suo splendore e in tutte le sue varietà: la “scuzzulata” (i frutti freschi d’autunno, ottenuti dal taglio della prima fioritura), liquori, dolci, mostarde, fiori essiccati per la preparazione di decotti…

Una leggenda siciliana narra che da una lite fra confinanti nasca il fico d’India scozzolato. Volendo danneggiare il vicino, un contadino tagliò i fiori sulle sue piante. Ma il risultato inatteso fu straordinario: la fruttificazione fu solo ritardata e con le prime piogge vennero fuori frutti più grossi e succosi.

Ficodindia Roccapalumba
logo Assessorato Regione Siciliana 2014